Continua la scia positiva di Alberto Di Folco, che oggi a Pergusa è salito sul gradino più basso del podio in occasione del primo dei quattro appuntamenti stagionali del Campionato Italiano Gran Turismo Endurance.

Il pilota romano, con i compagni di equipaggio Andrea Amici e Stuart Middleton, non ha deluso le aspettative, portando la Lamborghini Huracán GT3 del team Imperiale Racing in seconda posizione, anche se una penalità di 5 secondi comminata al pilota inglese per un sorpasso con bandiera gialla, ha poi retrocesso di una posizione il trio della squadra modenese. 

Alberto si è messo subito in luce nel primo stint di guida, avviandosi quarto dalla seconda fila e superando dopo un paio di tornate l’Audi R8 LMS GT3 di Lorenzo Ferrari, risalendo così terzo. Poi un contatto dietro tra due vetture ha portato in pista nelle fasi iniziali la safety car e alla ripartenza il driver romano è rimasto ancora terzo, provando ad attaccare la Ferrari di Matteo Greco. Ma è proprio in questa fase che viceversa Di Folco ha dovuto lasciare la posizione all’altra Rossa di Maranello di Matteo Cressoni, scivolando quarto e perdendo progressivamente terreno per una strategia di contenimento della vettura. Successivamente Di Folco si è riavvicinato a Greco ed è riuscito a passarlo agevolmente riprendendosi la terza posizione. 

Alla sosta ai box Middleton ha preso il posto di Alberto e si è portato subito in seconda posizione approfittando dell’uscita di scena della BMW di Stefano Comandini. Poi un’altra neutralizzazione per rimuovere dei detriti rimasti lungo il tracciato. Allo sventolare della bandiera verde Middleton ha superato la 488 GT3 di Simon Mann ed è salito al comando. A un’ora e 15 minuti dalla fine è stata esposta la penalità per la Lamborghini numero 63 e contemporaneamente è entrata in pista per la terza volta la safety car. 

A 58 minuti dalla fine Amici ha quindi preso il volante, compiendo uno stint perfetto fino all’arrivo.

“È stata una gara molto combattuta – ha commentato Alberto Di Folco – Il nostro obiettivo era quello di arrivare fino in fondo, visto che il tracciato è particolarmente insidioso. La vettura era davvero perfetta, abbiamo dato il massimo e siamo andati a prenderci un bel podio. Per la prossima gara del Mugello puntiamo ancora più in alto”.

Di Folco indosserà nuovamente tuta e casco nella serie tricolore endurance proprio sui saliscendi toscani il prossimo 2-4 luglio.